Pensi che meditare sia difficile? Ti sbagli e ti spiego perché

C’è un mito da sfatare ed è quello che la meditazione sia una pratica adatta solo ai monaci, ai movimenti New Age o alle persone che riescono a stare per ore nella posizione del loto. Credo che chiunque possa trarre benefici dall’essere più consapevole ed ogni momento di consapevolezza in più aiuta ad ottenere serenità mentale e a rendere la vita meno stressante.

Milioni di persone vivono una vita infelice, sono ansiose, depresse e soffrono di dolore cronico. Ignorano i benefici che la pratica della Mindfulness potrebbe portare nella loro vita.

Io ero una di loro, vivevo la vita con il pilota automatico, vittima di schemi mentali dannosi, senza capire il male che le emozioni e i pensieri negativi mi provocavano.

La pratica della Mindfulness è uguale a qualsiasi nuova attività mentale o fisica che vogliamo intraprendere. A lungo andare la pratica costante può cambiare i nostri processi mentali, ma necessita di sforzo. Quando guardiamo ai riconoscimenti della carriera di un artista o di uno sportivo, non vediamo tutti gli sforzi e le ore di allenamento che ha dovuto affrontare. Spesso vogliamo arrivare alla meta in fretta e senza affrontare le peripezie del viaggio, ma è proprio il viaggio, la parte più importante del nostro percorso.

Mi ritengo una novizia nel campo della meditazione, ma nel mio piccolo, da quando ho iniziato a praticare la Mindfulness a metà del 2012, sono riuscita a meditare quasi tutti i giorni, dedicando alla pratica 15- 20 minuti all’inizio, fino ad arrivare anche ai 45- 50 minuti di adesso.
I primi mesi sono stati i più difficili, perché sebbene potevo riscontrare, che la mia vita si stava lentamente trasformando, paradossalmente sembrava però che i miei pensieri e le mie reazioni peggiorassero.

Ho scoperto che è normale, perché finalmente stavo cominciando ad osservare, ad essere consapevole dei miei pensieri negativi e dei conseguenti schemi mentali che mi avevano condizionato fino ad allora. In quel periodo, abbastanza frustrante devo ammettere, continuavo lo stesso a ripetere i vecchi schemi, ma ne ero diventata consapevole.

Era come se passassi continuamente dalla consapevolezza alla distrazione, ma la perseveranza e l’allenamento continuo, mi hanno permesso di vedere i frutti del mio impegno, vale a dire un cambiamento profondo nel mio modo di vivere e di vedere le cose.

La Mindfulness è diventata da tempo una gradevole abitudine e sebbene a volte mi trovo ancora persa nei miei pensieri, la consapevolezza mi aiuta a ritrovarmi e a centrarmi di nuovo con facilità.

Ti consiglio di provare questo esercizio che dura soltanto un minuto e può essere fatto in qualsiasi situazione ci troviamo. Tutto quello che devi fare è focalizzare la tua attenzione sul respiro per un minuto. Inizia inspirando ed espirando lentamente e dopo ogni inspirazione conta fino a 6 trattenendo il respiro. Poi espira lentamente lasciando che l’aria esca senza forzare.

Cerca di osservare il respiro con tutti i sensi, senti l’odore dell’aria che entra e l’addome che si alza e che si abbassa. Tutto questo per un minuto soltanto.

Se hai sempre pensato di non essere capace di meditare, questo esercizio ti proverà che sei in grado di farlo e se questo esercizio di un minuto ti ha messo in uno stato di calma mentale perché non provare a farlo di due minuti?

Se ora vuoi provare con un esercizio più lungo, lasciati guidare dal seguente video:

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Website Protected by Spam Master