Pensi sempre anche tu a cosa farai “dopo”? Allora puoi cambiare

Pensiamo a quante volte iniziamo un’attività con l’obiettivo di finire al più presto, soprattutto le attività ripetitive, mentre lo facciamo, la nostra attenzione è già concentrata su quello che faremo dopo, quando il lavoro sarà finito. In pratica la nostra mente è sempre un passo avanti rispetto a quello che stiamo vivendo.

Il problema è che quando la mente corre in questo modo, non siamo per nulla consapevoli del momento che stiamo vivendo. Crediamo che lo scopo sia solo quello di finire al più presto, ma in tal modo non viviamo il momento presente. Quando andiamo al cinema, il nostro obiettivo non è quello che il film finisca al più presto, ma è quello di goderci la visione e partecipare emotivamente, così come quando andiamo a teatro o ascoltiamo la musica.

Un compito ripetitivo non è certo piacevole come andare al cinema o a teatro, ma potremmo usare questi momenti come aiuto nella nostra pratica consapevole, ad esempio mentre laviamo i piatti, cercare di sentire l’acqua che scorre sulle dita, prestando attenzione alle sensazioni corporee.

Spesso la frenesia della vita quotidiana ci porta a passare da un compito all’altro senza sosta, nel tentativo di assolvere tutti gli impegni. La prossima volta che ci troviamo a girare come trottole, cercando di fare il più possibile, può essere utile ricordarci che “l’importante non è finire”.

Ecco 10 suggerimenti che potrai implementare fin da subito nella tua routine giornaliera per vivere il momento ed accrescere la consapevolezza.

  1. Prima di accendere la macchina, prenditi un minuto per portare l’attenzione al respiro;
  2. Mentre guidi, sii consapevole della tensione corporea, ad esempio, le mani strette sul volante, spalle alzate, stomaco rigido, e cerca di lavorare consciamente per rilassare e sciogliere le tensioni. Essere teso ti aiuta a guidare bene? Come ci si sente a rilassarsi e guidare?
  3. Scegli di non accendere la radio e resta con te stesso;
  4. Cerca di guidare un po’ più lentamente del solito;
  5. Quando sei fermo al semaforo: fai un bel respiro e porta l’attenzione a quello che vedi fuori dalla macchina, gli alberi, la pioggia o il sole che batte sui vetri;
  6. Mentre stai seduto alla scrivania o al computer, porta l’attenzione alle sensazioni del corpo, cercando consciamente di rilassarlo e di lasciar andare la tensione;
  7. Cerca di portare la consapevolezza al respiro e alle sensazioni corporee regolarmente, permettendo alla mente di calmarsi;
  8. Usa le pause per rilassarti, lascia il computer o il cellulare e magari fai una passeggiata o semplicemente siedi per qualche minuto in silenzio;
  9. Alla fine della giornata lavorativa, cerca di ricordare le attività svolte durante il giorno, magari facendo una lista di tutte le cose positive che hai sperimentato durante la giornata;
  10. Fai attenzione alla camminata fino alla macchina, respira all’aria aperta, nota se provi freddo o caldo nel corpo. Ascolta i suoni. Prova a camminare lentamente. Presta attenzione alle tue sensazioni quando rallenti il passo.

1 Comment

  • Maria 12 gennaio 2016 13:43

    Molto interessante questo approccio per cominciare ad imparare a godere del presente e ad esserne più consapevoli…

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Website Protected by Spam Master